ricette

Le ricette di CHEFuoriclasse: l’anatra al forno

Postato il

Le ricette di CHEFuoriclasse: l’anatra al forno

 

Piatto un tempo lussuoso per nobili, l’anatra al forno è molto semplice da preparare: dopo averla pulita, farciscine il ventre con il ripieno ottenuto facendo rosolare pancetta, aglio, rosmarino, sale e pepe.

Chiudila con un filo per alimenti e riponila in una teglia con olio e limone.

Dopo 1 ora e mezza a 150°C in forno sarà pronta per essere servita. 🦆

Seguici su Facebook! @chefuoriclasse

 

Cooking class con chef Luca Zara: cambio data

Postato il

Cooking class con chef Luca Zara
CAMBIO DATA

 

L’appuntamento con Luca Zara, personal Chef e docente del Centro Europeo di Formazione, è stato spostato al 26 settembre, dalle 14 alle 20 all’Hosteria Pepe Fresco di Carmagnola.

Una fantastica lezione dedicata al finger food e alla tradizione del luogo.

Per info e prenotazioni chiedi a Paolo Toffanello: tel. 3408759876

 

luca-zara-settembre

Cooking class con chef Luca Zara

Postato il Aggiornato il

ATTENZIONE: L’appuntamento è stato spostato
dal 12 al 26 settembre

Cooking class con chef Luca Zara

 

Luca Zara, personal Chef e docente del Centro Europeo di Formazione ti dà appuntamento il 12 settembre dalle 14 alle 20 all’Hosteria Pepe Fresco di Carmagnola per una fantastica lezione dedicata al finger food e alla tradizione del luogo. E poi rimani a cena e continui con la convivialità!

Per info e prenotazioni chiedi a Paolo Toffanello: tel. 3408759876

 

Luca Zara settembre

Uno stivale pieno di… Presentazione e degustazione a Torino

Postato il Aggiornato il

Uno stivale pieno di…
Presentazione e degustazione a Torino

 

Mercoledì 20 giugno lo chef Luca Zara presenterà il suo libro Uno stivale pieno di… Le ricette della nonna dalle alpi a Lampedusa insieme a Gianfranco De Maria al Costadoro Coffee Lab Diamante, presso il Palazzo Bricherasio di Torino (dalle ore 18).

Al termine della presentazione ci sarà la degustazione di due ricette in abbinamento con i vini della Cantina Massucco.

 

 

 

SCARICA LA LOCANDINA COMPLETA

Invito al #SalTo18 per scoprire le ricette delle nonne d’Italia DOC

Postato il

L’invito ufficiale all’incontro con Luca Zara al Salone del Libro di Torino. Si parlerà delle ricette delle nonne d’Italia DOC, partendo da Torino e Piemonte e percorrendo l’intero stivale, con Uno stivale pieno di… Le ricette della nonna dalle Alpi a Lampedusa. Non mancate!

 

invito Luca Zara 2018 bassa

Carbonara Day con i Fagottelli di Heinz Beck

Postato il Aggiornato il

Carbonara Day
con i Fagottelli di Heinz Beck

 

Oggi venerdì 6 aprile in tutto il mondo è il “Carbonara Day”, promosso dalle associazioni Aidepi (Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e Ipo (International Pasta Organisation) per celebrare il celebre piatto. Come ha dichiarato il presidente dei Pastai di Aidepi, Riccardo Felicetti, «Ognuno ha i suoi segreti e la carbonara perfetta è una sfida che appassiona tutti gli chef»: e allora noi di CEF Publishing – Centro Europeo di Formazione vogliamo raccontarvi la particolarissima “carbonara” dello chef stellato Heinz Beck del ristorante La Pergola di Roma, i “Fagottelli alla Pergola”.

Sì, perché coniugando senso ludico, precisione teutonica ed evidente infatuazione per la cucina mediterranea, Heinz Beck propone i Fagottelli alla Pergola, suo personalissimo cavallo di battaglia che reinventa la classica “carbonara”. Da una sfoglia lucida e setosa ottenuta con farina, semolino e uova si ricavano quadrati di 7 centimetri di lato, da farcire con un ripieno di pecorino e tuorli montati a bagnomaria legato con panna montata, richiudendoli poi a sigaretta da riavvolgere su se stessa a forma di fagottino.

I fagottelli, lessati brevemente e scolati appena vengono a galla, vanno subito impiattati con una salsa di zucchine, guanciale e pecorino saltati in padella con fondo di vitello e vino bianco e rifiniti con pepe Tellycherry.

 

La gastrononomia in Italia e nel mondo imp

 

Al palato il ripieno morbido e cremoso rilasciato dai fagottelli si fonde con la salsa aromatica e sapida, restituendo, nettissimo, il sapore della classica “carbonara”, nobilitata da inedita e delicatissima consistenza.

Dalle Unità didattiche del corso per cuoco professionista CHEFuoriclasse

Mondeghili: la ricetta di nonna Emanuella

Postato il Aggiornato il

Mondeghili:
la ricetta di nonna Emanuella

 

Oggi vi presentiamo i mondeghili, la ricetta semplice e gustosa portata da Luca Zara, curatore di Uno stivale pieno di… Le ricette della nonna dalle Alpi a Lampedusa a Tempo di Libri. Un grazie particolare va a nonna Emanuella Tassoni di Cassano d’Adda (Milano) che ha consegnato la ricetta della tradizione a CEF Publishing.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
300 g di avanzi di carne lessata
1 uovo
una mollica di rosetta di pane bagnata nel latte, strizzata e passata al setaccio
prezzemolo tritato
buccia di limone a volontà
burro
sale

 

PROCEDIMENTO
Impastare tutti gli ingredienti e fare delle polpette grosse quanto una noce. Schiacciare leggermente, impanare e friggere nel burro fatto imbiondire.

 

Zara, uno stivale imp.jpg

 

CURIOSITÀ
ll nome di questo piatto passa dall’arabo al-bundukc, allo spagnolo albóndiga per arrivare nel tempo a mondeghilo, che significa polpetta.
I mondeghili sono un retaggio della cucina contadina milanese fedele al principio di non buttare via nulla e di riciclare gli avanzi.

MasterClass: diretta video

Postato il

MasterClass: diretta video

 

Dalla pagina Facebook di CHEFuoriclasse, il corso per cuoco professionista di CEF Publishing – Centro Europeo di Formazione, ecco uno dei momenti ripresi in diretta della MasterClass con chef Antonino Cannavacciuolo dello scorso 2 febbraio.

 

 

Il successo dell’iniziativa MasterClass con Antonino Cannavacciuolo

Postato il Aggiornato il

Comunicato stampa del 12/02/2018

_com_CEF-Cannavacciuolo rinnovo-ok-logo

A lezione da Cannavacciuolo con CEF:

il successo dell’iniziativa MasterClass del Centro Europeo di Formazione

 

Gli allievi del corso CHEFuoriclasse hanno rubato i segreti di chef Antonino

in una lezione esclusiva con contest culinario e premiazione finale

 

I migliori venti studenti del corso per cuoco professionista CHEFuoriclasse di CEF Publishing – Centro Europeo di Formazione hanno partecipato, occasione più unica che rara, alla prima MasterClass con chef Antonino Cannavacciuolo lo scorso 2 febbraio nelle cucine della scuola “La Cucina Italiana” di Milano. Un’intera giornata d’incontro (dalle 10 alle 17,30) durante la quale il giudice di MasterChef Italia, come nel celebre programma, ha dato consigli, giudicato i piatti e proclamato il vincitore del contest di cucina.

 

La MasterClass organizzata dal Centro Europeo di Formazione si è sviluppata attraverso tre diverse prove di cooking per gli allievi, arrivati per l’occasione da tutta Italia: un primo piatto, un secondo o antipasto e una ricetta di fantasia da realizzare in tempi rigorosamente stabiliti. Fra una prova e l’altra si sono invece svolti i tre showcooking di Antonino Cannavacciuolo, che ha svelato alcuni dei suoi segreti tra i fornelli. Al termine delle prove è stato lo chef in persona a decretare vincitrice del contest l’allieva Marina Eleonora Comedini di Milano.

 

La prima MasterClass di CEF è stata l’occasione per festeggiare il rinnovo del contratto da testimonial del corso CHEFuoriclasse con Antonino Cannavacciuolo e confermare la volontà di offrire ai propri studenti non solo la miglior formazione professionale a distanza ma anche imperdibili occasioni d’incontro e crescita professionale e personale.

 

Il corso per cuoco professionista CHEFuoriclasse, nato con l’appoggio scientifico di Re.Na.I.A., la Rete nazionale degli istituti alberghieri, gode già dal 2016 di un testimonial d’eccezione, chef Antonino Cannavacciuolo, protagonista degli spot del Centro Europeo di Formazione. La MasterClass è stata la prima volta che il padrone di Villa Crespi ha indossato la giacca bianca del docente appositamente per gli allievi CHEFuoriclasse.

Il progetto MasterClass è protagonista di un video on line girato con Antonino Cannavacciuolo e gli studenti, che hanno recitato insieme al loro idolo e sono comparsi nella campagna di comunicazione su Facebook, Instagram e YouTube.

Fotogallery

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Video YouTube MasterClass: https://www.youtube.com/watch?v=dGAHfvH0lj8

Canale YouTube CHEFuoriclasse: https://www.youtube.com/channel/UCZseujuB37nFzXDBNCToDtg

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/CHEFuoriclasse/

www.corsicef.it

 

Info ufficio stampa 0321 612571 – ufficiostampa@corsicef.it

 

Dolci d’Italia: Abruzzo

Postato il

Dolci d’Italia: Abruzzo
il Parrozzo pescarese

 

DOSI PER 4 PERSONE
150 g di cioccolato fondente
125 g di zucchero
100 g di burro
60 g di mandorle dolci
60 g di farina
50 g di fecola
5 uova
10 mandorle amare

 

TEMPO: 1 ORA E 15 MINUTI

 

Scottate le mandorle in acqua bollente, spellatele e tritatele finemente, poi mescolatele a due cucchiai di zucchero. Fate sciogliere in una casseruola 80 g di burro. Raccogliete i tuorli d’uovo in una terrina e sbatteteli energicamente con il restante zucchero ottenendo un composto chiaro e spumoso. A questo punto unite il trito di mandorle e, senza smettere di mescolare, la farina, la fecola e il burro fatto ammorbidire. Amalgamate bene il tutto, quindi incorporate anche gli albumi montati a neve ferma.
Imburrate uno stampo e versatevi il composto, scaldate il forno a 220 °C: mettetevi a cuocere il dolce per 45 minuti circa, sfornate e fate raffreddare. Nel frattempo tagliate a scagliette il cioccolato e fatelo sciogliere, a fuoco bassissimo, in un pentolino.
Quando la torta sarà fredda, ricopritela con il cioccolato spalmando
in modo uniforme e rapidamente, perché non si rapprenda durante l’operazione; attendete una decina di minuti e poi servite il parrozzo.

Dal volume La cucina regionale italiana. I dessert

 

PARROZZO