bambini

Letture sotto l’ombrellone: Cef Publishing consiglia le avventure di Dylan

Postato il

 comunicato del 30.6.2020

Letture sotto l’ombrellone: Cef Publishing consiglia le avventure di Dylan

l’irresistibile cagnolino a strisce che adora giocare ai lavori dei grandi

 

Un successo internazionale In Italia con i primi quattro volumi. Dylan è il cagnolino che gioca “come un bambino” e insegna i valori dell’amicizia.

 

 La coinvolgente e coloratissima serie di libri per bambini dai 3 ai 6 anni che ha come protagonista il cagnolino a strisce Dylan è la scelta migliore per accompagnare le giornate estive. Dylan in ogni libro vive nuove esperienze insieme ai suoi amici Lontra Gaia, Pulcino Nino e Micetta Viola, giocando con loro proprio come farebbe un bambino. Il creatore della serie di Dylan è Guy Parker-Rees, uno degli illustratori di maggior successo e più amati in tutto il mondo. Le avventure di Dylan sono disponibili in libreria e nei migliori bookshop online in volumi in grande formato, cartonati con illustrazioni a colori, e in ebook.

Guy Parker-Rees è uno degli illustratori di maggior successo e più amati in tutto il mondo. I suoi personaggi sono coloratissimi, simpatici e pieni di energia e immaginazione. Guy è conosciuto soprattutto per aver illustrato Giraffes can’t dance di Giles Andreae (Le giraffe non sanno ballare, Nord-Sud 2018), che ha venduto più di due milioni di copie in tutto il mondo. I libri di Guy sono stati tradotti in più di 15 lingue e hanno vinto numerosi premi.

 

 

LE AVVENTURE DI DYLAN

Dylan fa il maestro

Oggi Dylan gioca a fare il maestro, perciò organizza la classe, prende una campanella e chiama tutti i suoi amici. Ma cosa potrà mai insegnare? E perché gli va tutto storto? (pp. 32, euro 12, ISBN 978-88-6699-122-9)

Dylan fa il pasticciere       

Oggi Dylan gioca a fare il pasticciere e prepara una torta deliziosa per il compleanno di Lontra Gaia. Ma riuscirà a non mangiarsela tutta? Con ricetta finale per realizzare a casa la fantastica torta al cioccolato e banane di Dylan! (pp. 32, euro 12, ISBN 9788866991236)

 Dylan fa il negoziante

Oggi Dylan vuole aprire un negozietto. Ma perché nessuno viene a comprare da lui? (pp. 32, euro 12, ISBN 9788866991182)


Dylan fa il dottore

Oggi Dylan tira fuori la sua valigetta del dottore e si prende cura dei suoi amici. Ma chi si prenderà cura di lui? (pp. 32, euro 12, ISBN 978-88-6699-117-5)


 

www.corsicef.it

Info ufficio stampa – ufficiostampa@corsicef.it

Dylan fa il dottore. Il video

Postato il

Dylan fa il dottore. Il video

Non perdete la prima avventura dell’irresistibile cagnolino a strisce che adora giocare! “Dylan fa il dottore” è disponibile, grazie a CEF Publishing e Le Rane di Interlinea, sui maggiori bookshop online in formato cartaceo ed ebook.

 

Arrivano in libreria le avventure di Dylan!

Postato il Aggiornato il

Arrivano in libreria le avventure di Dylan!
Libri per bambini in grande formato

Cef Publishing presenta “Le rane extra”: una collana per bambini in coedizione con Le rane Interlinea, con libri di vario formato e varie età di lettura che vedono come protagonisti i nostri amici animali.

“Le rane extra” si apre con le avventure di “Dylan”: una coinvolgente e coloratissima serie per bambini dai 3 ai 6 anni che vede come protagonista un cagnolino a strisce che in ogni libro vive nuove avventure ed esperienze insieme ai suoi amici Lontra Gaia, Pulcino Nino e Micetta Viola.

I volumi sono disponibili sui maggiori bookshop online in formato cartaceo ed ebook.

 

doppia pagina Dylan

 

Guy Parker-Rees
Dylan fa il dottore
Cef Publishing-Interlinea,
Novara 2018
“Le rane extra”, 1
pp. 32, euro 12
ISBN 978-88-6699-117-5

I bambini e gli incidenti domestici: le ustioni

Postato il

I bambini e gli incidenti domestici: le ustioni
L’importanza della prevenzione dal corso di Assistente all’Infanzia

 

Un importante capitolo dell’Unità didattica sul primo soccorso e gli interventi di emergenza del corso professionale per Assistente all’infanzia è dedicato a uno degli incidenti domestici più temuto: le ustioni.

 

«Gli incidenti più frequenti avvengono in cucina e sono dovuti all’uso di pentole a manico lungo che il bambino afferra per “vedere cosa c’è dentro”; allo spostamento di contenitori (pentole, scodelle, caffettiera) con liquidi bollenti che sbadatamente rovesciate sul piccolo; all’uso di friggitrici e ai conseguenti schizzi di olio caldo.
Altre ustioni sono dovute alla temperatura troppo alta dell’acqua per il bagnetto o del biberon e del cibo riscaldato nel forno a microonde.
La gravità di questi incidenti dipende da quanto il liquido è caldo o grasso (olio e latte) e dalla durata con cui rimane a contatto con la pelle.

 

 

 

Prevenzione
Per evitare le cause più frequenti di ustioni, ecco alcuni suggerimenti pratici.
– Attrezzate i fornelli della cucina con una barriera di protezione e installate un cancelletto di sicurezza alla porta della cucina per impedirne l’accesso mentre cucinate.
– Utilizzate i fuochi e le piastre più interni.
– Non usate pentole a manico lungo e giratele sempre con il manico verso l’interno.
– Non lasciate a portata di mano caffettiere, teiere o altri recipienti.
– Non usate padelle per friggere o friggitrici in presenza del bambino.
– Non tenete in braccio il bambino mentre cucinate, maneggiate sostanze calde o bevete liquidi bollenti (tè, caffè ecc.).
– Fate attenzione quando scaldate il biberon o il cibo nel forno a microonde (o nell’apposito scaldabiberon), perché il contenitore non ci fa valutare la reale temperatura raggiunta dal latte o dalla pappa. Un vasetto di omogeneizzato, tiepido in alcuni punti, può essere bollente in altri, per cui si consiglia di mescolare bene il contenuto. Verificate la temperatura versandone alcune gocce all’interno dell’avambraccio.
– Controllate che gli scarichi della lavatrice e della lavastoviglie siano installati a muro e non semplicemente nel piatto della doccia, nella vasca o nel lavandino.
– Verificate con un termometro la temperatura dell’acqua del bagnetto e immergetevi il bambino a poco a poco (l’acqua dello scaldabagno non deve, comunque, mai superare i 50 °C)»