FoodExperience

Food&book: la fotogallery

Postato il

Food&Book a Montecatini Terme
Fotogallery

 

CEF Publishing ha partecipato dal 13 al 16 ottobre al festival “Food&Book, la cultura del cibo, il cibo nella cultura” (www.foodandbook.it) con uno stand a lei dedicato,  nella splendida cornice delle Terme Tettuccio di Montecatini. Ecco la fotogallery

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

CEF Publishing a Food&Book

Postato il Aggiornato il

image001

   Comunicato stampa del 6/10/2017

CEF Publishing a Food&Book
il festival di Libri e cultura del cibo di Montecatini Terme

 Per il secondo anno consecutivo, dal 13 al 16 ottobre, la collana FoodExperience e il corso CHEFuoriclasse saranno ospiti delle Terme Tettuccio

CEF Publishing – Centro Europeo di Formazione, la casa editrice di cultura gastronomica e formazione professionale, parteciperà dal 13 al 16 ottobre a “Food&Book, la cultura del cibo, il cibo nella cultura” (www.foodandbook.it) con uno stand a lei dedicato. Professionisti del food, studenti di cucina e lettori voraci accolti nella splendida cornice delle Terme Tettuccio di Montecatini potranno sfogliare i materiali del corso per cuochi professionisti CHEFuoriclasse (16 volumi e 3 DVD video) e i volumi della collana “FoodExperience” tra i quali Sapore è sapere. L’analisi sensoriale in cucina di Daniele Maestri e la novità 2017 Jump the pasta! L’inglese in cucina (quello vero!)

Il festival Food&Book è organizzato dall’Associazione Leggere Tutti in collaborazione con Agra Editrice, Comune di Montecatini Terme, Terme di Montecatini Spa.

 

I volumi di “FoodExperience”

 

image002Jump the pasta! L’inglese in cucina (quello vero), a cura di Barbara Bianchi
pp. 168, euro 12, ISBN 978-88-9358-013-7
Perché un libro sull’inglese in cucina? Perché le parole non sempre sono quello che sembrano e non basta dire «Vado a Londra, trovo un lavoro e imparo sul posto» o, peggio, affidarsi a Google Traduttore per risparmiarsi frasi come I know my chickens

 

image003Daniele Maestri, Sapore è sapere. L’analisi sensoriale in cucina
pp. 76, euro 12, ISBN 978-88-9358-004-5
Riconoscere i prodotti di qualità è il primo passo nella valutazione e nell’abbinamento dei cibi e  per compierlo è necessario analizzare gli aspetti igienico-sanitari, nutrizionali e di ad operabilità degli alimenti e al tempo stesso affidarsi a una osservazione di tipo sensoriale, lo strumento di cui ognuno di noi si serve quotidianamente per giudicarli e sceglierli.

 image004I prodotti DOP e IGP. L’eccellenza della gastronomia italiana
pp. 112, euro 12, ISBN 978-88-9358-003-8
Un affascinante viaggio lungo lo stivale alla scoperta dei prodotti alimentari di origine protetta, normati da un regolamento comunitario che ne certifica, imponendo il rispetto di uno stringente disciplinare di produzione, l’origine e le caratteristiche di alta qualità. Più di 280 tra DOP, IGP e STG sono la straordinaria eredità di una cultura alimentare costruita nei secoli.

 

image005La cucina regionale italiana.
I primi piatti, pp. 128, euro 12, ISBN 978-88-9358-000-7
I secondi piatti, pp. 128, euro 12, ISBN 978-88-9358-001-4
I dessert,pp. 128, euro 12, ISBN 978-88-9358-002-1
Il meglio della grande tradizione gastronomica italiana, dal nord al sud, lungo un percorso che, di regione in regione, propone le ricette più gustose della nostra cultura culinaria, con schema degli ingredienti, del costo e della difficoltà di esecuzione, box di curiosità e suggerimenti per abbinare i vini.

 

image006Social eating. Guida della community gastronomica
pp. 144, euro 12, ISBN 978-88-9358-005-2
Con più 110.000 “like” su Facebook, quasi 200.000 utenti e più di 10.000 eventi organizzati in quasi 1400 diverse città italiane, Gnammo rappresenta un nuovo modo di incontrarsi e scambiare esperienze, all’insegna della buona cucina.


I
nfo ufficio stampa: ufficiostampa@corsicef.it
http://www.corsicef.it

Il potere subliminale dei profumi

Postato il

Il potere subliminale dei profumi

 

«Le antiche civiltà eurasiatiche tenevano in gran conto il potere sacrale, molto spesso anche terapeutico, dei profumi. Si pensi ai doni preziosi e inebrianti che i tre magi orientali recano a Gesù Bambino: oro a parte, l’incenso è legato al cerimoniale e all’offerta sacra e la mirra possiede proprietà medicinali antisettiche (era impiegata nella mummificazione) e potentemente analgesiche, paragonabili agli affini cannabinoidi. Ma c’è di più, e solo le moderne scienze neurofisiologiche hanno iniziato a chiarirlo. Anche nel quotidiano, trattando erbe aromatiche, alimenti e bevande, il nostro olfatto entra in contatto con molecole odorose che interferiscono col nostro sistema nervoso centrale, influendo sul comportamento e sull’umore».

Daniele Maestri, Sapore è sapere

 

Maestri, Sapore è sapere

È buono se…

Postato il Aggiornato il

È buono se…

 

«Dice un proverbio romanesco: “All’oste nun se chiede si er vino è bbono”. Il vino è buono, infatti, quando è gradito ai consumatori, o almeno alla maggior parte di essi, e quando risulta in linea con gli standard di mercato. Già, ma come operare una corretta valutazione?» Ce lo spiega Daniele Maestri in Sapore è sapere

 

Maestri, Sapore è sapere

CEF Publishing su Leggere:Tutti

Postato il Aggiornato il

CEF Publishing su Leggere:Tutti

Il mensile dedicato ai libri e alla lettura dedica uno spazio “estivo” a FoodExperience.

Trovate Leggere:Tutti in edicola!

 

Olio DOP e IGP

Postato il Aggiornato il

Olio DOP e IGP patrimonio d’Italia

«Giunto in Italia da tempi immemorabili, probabilmente dall’Asia Minore attraverso la Grecia, l’olio d’oliva è il condimento più apprezzato della cucina italiana e la sua produzione porta il nostro Paese al secondo posto nel mondo dopo la Spagna.
Le coltivazioni d’olivo caratterizzano il paesaggio italiano dalla Liguria alle isole, costellando le colline toscane, romagnole, umbre, abruzzesi e vaste aree di pianura subappenninica.
La varietà di cultivar e le tecniche di coltivazione e di estrazione particolarmente affinate fanno sì che siano oltre 40 gli oli extravergine che hanno ottenuto il marchio DOP o IGP, distribuiti fra tutte le regioni italiane; si differenziano per il colore, dal giallo paglierino al verde smeraldo, per il profumo più o meno intenso e per il sapore delicato, deciso, fruttato, piccante o amarognolo»

Da I prodotti DOP e IGP

 

Gnammo: l’unione fa… Social eating

Postato il Aggiornato il

Gnammo: l’unione fa… Social eating

«Come nei migliori piatti, è l’unione di più ingredienti a creare un’armonia di gusto e sensazioni: così si unirono le forze e nacque Gnammo, the Social Eating Network»

(da Social eating)

Grazie a tutto il team di Gnammo per aver creduto nel progetto di CEF Publishing!

 

Social eating

Jump the pasta! su Eat Parade

Postato il Aggiornato il

Tg2, Eat Parade e Jump the pasta!

Dopo la collana FoodExperience e Social eating, anche il volume Jump the pasta! L’inglese in cucina (quello vero) è apparso su Eat Parade, la rubrica di enogastronomia del TG2 (Rai2) condotta da Bruno Gambacorta nella puntata del 5 maggio 2017 (da 8′)

Buona visione!

 

Jump the pasta! Raccontato dall’autrice

Postato il Aggiornato il

Jump the pasta!
L’autrice Barbara Bianchi ci spiega…

«Tutti pensano che l’inglese in cucina sia una cosa facile, perché la grammatica di base che lo sorregge non è poi quel gran che. In realtà, come tutte le cose facili, nasconde un sacco di trabocchetti…»
Barbara Bianchi, autrice di Jump the pasta! L’inglese in cucina (quello vero), ci racconta come è nato questo utilissimo e divertente libro.

Gnammo. Il cibo diventa social

Postato il Aggiornato il

Gnammo.
Quando il cibo diventa social

 

Uno dei momenti più divertenti e social di Tempo di Libri a Milano, quando chef Federico Bonaconza, qui con Cristiano Rigon, ha raccontato la sua esperienza con Gnammo e Social eating