Daniele Maestri

Daniele Maestri

Postato il Aggiornato il

«Il gusto, la facoltà di scelta individuale, la preziosità organolettica di ciò che abbiamo nel piatto è il discrimine tra il cibo di qualità e quello industriale, massificato, che molte volte viene mortificato proprio perché abbia in misura minore, o non abbia affatto, i suoi profumi originali.

 

La vita è qualcosa da vivere con stile, si dice, ma anche con gusto, e proprio questo fa la differenza»

 

Daniele Maestri, autore di Sapore è sapere

 

Daniele Maestri

Fuoco, cibo e cultura

Postato il Aggiornato il

Fuoco, cibo e cultura

 

Foto a pagina intera (1)«Il controllo sul potere del fuoco innalza l’uomo a creatura superiore, affrancandolo dal primitivo stato bestiale, non soltanto perché traccia il primo confine tra la specie umana e le fiere, ma perché permette la cottura e il riscaldamento dei cibi, sancendo il passaggio da un’alimentazione istintiva a un’alimentazione mediata da un mezzo tecnico e, dunque, dalla cultura»

 

(Daniele Maestri, Sapore è sapere)

Come gli antichi

Postato il Aggiornato il

Come gli antichi

«Si torna, come facevano gli avi contadini, a maneggiare, annusare e assaggiare gli alimenti. Affidandoli, più che all’esame chimico, a quel mirabile laboratorio di analisi che sono i nostri sensi. Torna sovrano l’esercizio della polisensorialità, in una parola del gusto, unico strumento in grado di discriminare con la massima obiettività tra buono e cattivo, tra salutare e nocivo, tra piacevole e ripugnante; tanto che viene da chiedersi se altre antinomie come ordine e caos, bene e male, spirituale e materiale non discendano anch’esse dalle nostre papille»

 

(Da Daniele Maestri, Sapore è sapere)

 

P17

Sapore è sapere al Salone del Libro

Postato il Aggiornato il

Fotogallery di CEF Publishing al Salone internazionale del Libro di Torino- 1

14 maggio 2016, presentazione di Sapore è sapere con Daniele Maestri